NON SEI SOLO CIO' CHE MANGI, MA ANCHE CIO' CHE BEVI - Dr Fereydoon Batmanghelidj

Aggiornamento: 18 ott 2021


Tempo fa, mi sono imbattuta in un meraviglioso libro del Dr Fereydoon Batmanghelidj, un medico iraniano che in più di 20 anni di ricerca e analisi ha scoperto che il 75% di acqua che compone il corpo umano non è inutile, ma decide attivamente della nostra salute.

Nel suo bestseller “Il tuo corpo implora acqua” – Macro Edizioni dimostra come la disidratazione sia la vera causa di molte malattie.



Egli ritiene che promuovendo "l'acqua per la salute, per la guarigione, per la vita" è un messaggio di salute pubblica inestimabile. Nessun miracolo, ma solo buon senso sostenuto da anni di ricerca e di indagini.

Il lavoro pionieristico del Dr. F. Batmanghelidj ci mostra che la disidratazione cronica contribuisce e produce dolore e molte malattie degenerative che possono essere prevenute e curate, aumentando l'assunzione di acqua su una base regolare. Si tratta di un investimento per la salute a lungo termine.

L'acqua è la base della vita. Oltre il 70% della superficie terrestre è formato di acqua. Tuttavia, la maggior parte di essa, circa il 98% è salata. Solo il 2% dell'acqua della terra è acqua che possiamo bere e quasi tutta è intrappolata nei ghiacciai.

Ma anche il nostro corpo è composto di acqua. I muscoli sono per il 75% composti di acqua, il sangue possiede l’ 82% di acqua, i polmoni che forniscono ossigeno sono composti dal 90% di acqua, così come il cervello che possiede il 76% di acqua, e perfino le ossa composti dal 25% di acqua.

La nostra salute, quindi, dipende davvero dalla quantità di acqua che beviamo, ma soprattutto dalla qualità. La ricerca ci dice anche che si verificano numerose complicazioni quando il corpo non è adeguatamente idratato e le cellule diventano secche.


Il dr F. Batmanghelidj ci dice ancora: “La carenza d'acqua nel corpo umano è spesso responsabile di malattie. Quello che fino a poco tempo fa in medicina non ci si è accorti, è il fatto che il corpo umano può diventare a corto di acqua all'interno delle sue cellule, anche quando l'acqua è disponibile, abbondante, e praticamente gratuita. Quando il corpo gradualmente si disidrata comincia a funzionare male e a manifestare gli effetti della mancanza di acqua, etichettiamo questi sintomi e segni di siccità del corpo come malattie o sindromi di origine sconosciuta. E dalla scoperta della struttura del DNA, diamo ora la colpa ai geni per i problemi di salute, ovviamente, non rendendosi conto che quando una cellula comincia ad asciugarsi e danneggiarsi dall'interno, il nucleo in quella cellula e la sua struttura del DNA, non sono esenti dal processo.

Se una quantità sufficiente di acqua per mantenere la consistenza del sangue non diventa disponibile da fonti esterne di approvvigionamento, vale a dire dal bere, l'acqua viene presa in zone meno attive che alla fine si danneggeranno se non verrà subito ripristinata.

Entro i prossimi anni la gente scoprirà l'acqua come un farmaco primario per la maggior parte dei loro problemi di salute, e capirà l'inganno".


Il dr F. Batmanghelidj prosegue affermando: “Ho trattato molteplici malattie con l’acqua. Ad esempio, ventidue anni fa ho iniziato il trattamento dell'ulcera peptica con acqua. In due anni e sette mesi, avevo trattato con successo oltre 3000 casi. La mia esperienza mi porta a dire consapevolmente che queste persone avevano veramente sete. Il mio rapporto del trattamento è stato pubblicato come editoriale del Journal of Clinical Gastroenterology, nel giugno 1983.

Ho quindi deciso di dimostrare il motivo per cui queste persone avevano solo sete. Nel settembre del 1987 ho presentato la lezione, ospite di una conferenza internazionale sul cancro, sotto il titolo di ‘Dolore, la necessità di Cambio di paradigma' e la normativa dei soluti (sostanze disciolte nel sangue) il paradigma obsoleto. Ho spiegato che è il 'solvente' (acqua) che regola tutte le funzioni fisiologiche del corpo e che è la ‘disidratazione non intenzionale cronica' che è l'eziologia del dolore e le malattie degenerative, tra cui il cancro. Che tutte queste condizioni sono il risultato di 'disturbi del sistema' a causa dell'azione mancante dell'acqua.

Per far comprendere le mie affermazioni e il mio punto di vista, ho dimostrato che l'istamina è in realtà un neurotrasmettitore responsabile della regimazione delle acque e dei programmi di gestione della siccità del corpo."



La nuova comprensione scientifica dal 1987 è che la disidratazione è il fattore comune primario del dolore del corpo umano che si stabilisce quando vi è persistente carenza idrica locale e anche all'interno delle cellule nervose del dolore nel corpo umano. Questo è il fattore comune a tutti i dolori del corpo.

Nella modalità di gestione della siccità, cioè quando non c'è abbastanza "acqua fresca" per lavare via i sottoprodotti tossici del metabolismo dalle zone che sono impegnate nella loro continua attività, le terminazioni nervose in quelle zone percepiscono l'aumento di tossicità, il dolore costringe la persona a smettere di fare qualunque cosa che farebbe aumentare la produzione di rifiuti tossici, da qui la perdita della funzione nelle zone dolorose.




Sintomi della disidratazione


Il Dr F. Batmanghelidj afferma: “Tante delle malattie che attualmente affliggono milioni di persone in tutto il mondo derivano da una semplice causa non riconosciuta: non beviamo acqua a sufficienza. Quando il nostro corpo di tanto in tanto protesta attraverso il dolore, noi chiamiamo questi disperati segnali di sete: asma, diabete, dolori addominali, ulcera, gastrite, colite, artrite, angina, obesità, morbo di Alzheimer, alto tasso di colesterolo, ipertensione. Anche mal di schiena e dolori reumatici e nervo sciatico”. Secondo il Dott. Batmanghelidj il nostro corpo ha un assoluto bisogno di 2 litri d’ acqua al giorno (8 bicchieri pieni). In questo conteggio non sono incluse bevande come l’alcool, il caffè, il tè e le bevande artificiali. I momenti migliori per bere acqua sono al mattino presto e poi in relazione ai tre pasti principali (colazione, pranzo e cena), bevendo un bicchiere, sia mezz’ora prima che due ore e mezzo dopo ogni pasto principale. L’ultima bevuta di acqua può essere fatta prima di andare a dormire.



Apporto di Sale

Quando avete voglia di salato è perché il vostro corpo ha bisogno di acqua e siccome non si beve allora il sale aiuta a non espellere l’acqua presente. Il dottore osserva come bevendo più acqua il corpo perderà dei sali e quindi bisogna introdurli nella dieta.

Se si provano dei crampi muscolari durante la notte è probabile che c’è una carenza di sali. Anche i capogiri e la sensazione di debolezza possono essere indicatori della carenza di acqua e di sale nel corpo.

Il Dott. Batmanghelidj afferma nel suo libro: “Ho sviluppato una regola pratica per la dose quotidiana di sale. Per ogni otto bicchieri di acqua (circa 2 litri) dovreste aggiungere alla dieta circa mezzo cucchiaino di sale al giorno (circa 3 grammi).”

Se assumete il sale da altre fonti (cibi salati, formaggi, salumi, condimenti, ecc) allora non dovete assumere questa dose extra di sale. Il corpo si gonfia quando c’è troppo sale: le gambe, le caviglie e la pelle si gonfiano. L’attività fisica aiuta a perdere i sali in eccesso.

Il libro da cui sono state tratte queste indicazioni contiene altre informazioni utili e molte testimonianze di medici e persone comuni guarite semplicemente assumendo più acqua nel modo giusto. È presente una bibliografia ricca di riferimenti a studi scientifici.



Chi è il Dr. Fereydoon Batmanghelidj

Nel 1979 fu arrestato e trascinato in prigione durante la rivoluzione che rovesciò il potere dello Scià di Persia, nel paese furono condannate e fucilate tante persone, colte e professionali. Lui ebbe la fortuna di non essere processato subito e rimase per due anni e mezzo nella prigione di Teheran.


Una notte il dottore si svegliò dalle urla del suo compagno di cella che si contorceva dai dolori per un ulcera: non avendo medicinali con sé gli diedi tutto quello che poteva, ovvero due bicchieri d’acqua. Il dolore scomparve in pochi minuti e quell’uomo poté alzarsi in piedi dalla gioia. Nel tempo che stette in prigione guarì più di 3000 persone somministrando bicchieri d’acqua.


Il Dott. F. Batmanghelidj si salvò la vita, quando presentò al giudice i suoi studi, di come con l’acqua aveva salvato tanti prigionieri dai dolori di stomaco. Rilasciato, andò negli Stati Uniti nel 1982, dove da oltre vent’anni ha fatto ricerche e pubblicazioni sul potere di guarigione dell’acqua e diffonde la sua scoperta: la disidratazione è la vera causa di molte malattie.

38 visualizzazioni0 commenti